ITW 2021

Elon Musk a Italian Tech Week: "Il nucleare non è il male"

Dalla ricerca degli alieni alle auto, tutta la conversazione del numero 1 di Tesla e Space X con Elkann e Molinari
5 minuti di lettura

Puntuale alle 11:45, Elon Musk si è collegato in diretta dal Texas con le Ogr di Torino per la seconda giornata di Italian Tech Week. È stato l'appuntamento più atteso di un cartellone fitto di grandi nomi. Ha parlato di Spazio, futuro e nuovi progetti in una conversazione con il presidente di Stellantis, John Elkann, moderata dal direttore di Repubblica, Maurizio Molinari.

Si è cominciato con una nota personale: Musk ed Elkann si sono incontrati in Sicilia anni fa, e a unirli, ha rivelato il miliardario americano, è stata la passione comune per il calcio.

"Cosa c’è dopo Marte?", ha chiesto Molinari a Musk. "È difficile creare civiltà su Marte, avere un posto sicuro, ma se riusciamo a mettere base lì potremmo partire per esplorare il sistema solare e altre galassie, trovare magari altre civiltà e questo inevitabilmente ridisegnerà il nostro ruolo nello Spazio. Non so se riusciremo ad andare oltre la nostra galassia, ma già nella nostra magari incontreremo una civiltà aliena". A proposito di tecnologie aliene, Elkann ha osservato che "se potessimo inventare il teletrasporto potrebbe rendere più efficiente ed efficace e veloce l'esplorazione dello Spazio".

Ma qual è la ricetta di Musk per creare nuove imprese?
"È difficile farlo e farlo con successo - ha scherzato lui - Sconsiglio di farlo se non sai davvero quello che stai facendo, se non sei sicuro di farcela. Il primo consiglio è di non creare una nuova compagnia. Ma se proprio si vuole, allora è necessario avere un prodotto che qualcuno voglia davvero, che possa attirare molte persone. E poi dedicare tanto tempo all'azienda: è come una persona, un animale, ha un suo ciclo vitale, si parte da poche cellule, poi diventa neonato, bimbo, adolescente, adulto. Le dimensioni di una compagnia dipendono da dove si trova nel ciclo vitale, è possibile che sia necessario riconfigurarla, rifarla da zero, cambiarla del tutto man mano che cresce".

Diversa la posizione di Elkann: "Ho iniziato avendo a che fare con industrie vecchie, create nel '900, come l'editoria e l'auto. La sfida è trasformarle in aziende del 21esimo Secolo. Ho affrontato più di 3 crisi, ma essere imprenditore è questo, assumersi i rischi. Siamo su un ottovolante, l’importante è non deprimersi quando si scende e non esaltarsi troppo quando si sale".

Quanto alle crisi, "Tesla ha rischiato la bancarotta almeno 6 volte nella sua storia - ha raccontato Musk - Il momento più brutto è stato fra il 2008 e il 2009, eravamo molto piccoli, nessuno credeva e investiva, eravamo da soli, ho chiesto denaro agli amici per pagare l’affitto di casa, avevo finito quello che avevo guadagnato vendendo PayPal. Così abbiamo fatto un ultimo tentativo: è andato a buon fine, il finanziamento è stato chiuso alla vigilia di Natale 2008. Se non ce l’avessimo fatta, saremmo finiti. Un altro brutto momento è stato tra il 2018 e il 2019, con l'arrivo della Model 3: dovevamo farla diventare un’auto di massa, doveva iniziare la produzione in grandi volumi, ma doveva essere fatta bene e generare profitti, ed è stato molto difficile. In quel periodo ricordo di avere parlato molto con John, mi è stato vicino, è stato un amico". Di più: Tesla ha scelto i robot italiani di Comau per le sue auto.

L'energia del Sole e quei 200 chilometri di pannelli
Ma la prossima sfida, ha sottolineato Molinari, sarà come ricavare l'energia elettrica per muovere le auto del futuro. Basteranno l'energia solare e quella eolica? "Dobbiamo tornare a vedere l'energia nucleare come una cosa positiva. Se non vogliamo aprire nuove centrali, almeno non chiudiamo quelle che abbiamo, sono sicure, e certo molto meno pericolose di quelle a carbone - ha risposto Musk - Trovo che l'energia solare sia sottovalutata, ma se non ci fosse il Sole, la Terra sarebbe una roccia senza vita, senza nulla: la Terra va a energia solare, ci arriva 1 Gigawatt per metro quadrato, basta prenderne una parte, anche piccola, per avere energia per tutti. Pensate che un impianto a energia solare di 200 chilometri per 200 potrebbe fornire energia a tutta l’Europa. Non è tanto, vero? Basterebbe prendere un pezzo del territorio europeo e dedicarlo a questo scopo. Per voi sul Mediterraneo è facile, avete tanto sole".

Per John Elkann la produzione di energia comporta essenzialmente due sfide: "Il costo dell’energia sta salendo, soprattutto per carbone, gas, uranio. E dobbiamo trovare il modo di produrla senza generare CO2, senza inquinare, anzi magari ripulendo l'atmosfera".

Molinari è passato poi a un'altra delle avventure tecnologiche di Musk, Neuralink, che esplora nuove forme di interfaccia tra uomo e computer: "Abbiamo telefoni, computer, la tecnologia che sfrutta l'intelligenza artificiale - è la risposta - ma in modo poco efficiente. Neuralink può aiutare il nostro rapporto con la tecnologia, renderlo più immediato. Poi c'è quello che Neuralink può fare per tetraplegici o quadriplegici, che possono interagire con i computer utilizzando il cervello, senza bisogno del corpo. E non dimentichiamo la possibilità di estendere il lavoro di Neuralink agli animali: di loro, in fondo sappiamo poco, sappiamo che vogliono cibo, acqua, andare fuori, coccole. Ma magari c’è altro, una vita segreta dei cani che non conosciamo, e che Neuralink ci farà conoscere".

Ci aspetta un modo di cyborg? Per Elkann "vedremo evolvere gli smartphone, ci sono gli occhiali smart, Neuralink è un'altra evoluzione, magari potremo davvero comunicare con il nostro cane (Musk ride, ndr), con un albero in giardino. O il cane potrà comunicare con noi".

"Sono ottimista - ha aggiunto Elkann stimolato da Molinari a parlare della sua esperienza di padre - Ragazzi e famiglie hanno resistito in modo incredibile alla pandemia, hanno superato tanti problemi". Musk si è mostrato d'accordo: "Meglio essere ottimisti e avere torto, che essere pessimisti e avere ragione. Il modo migliore per prevedere il futuro è costruirlo. Siate ottimisti, datevi da fare, prendete in mano il vostro futuro e il vostro destino".

 

Le domande del pubblico e la sorpresa di Mauro
Al termine della chiacchierata è arrivato il momento delle domande da parte del pubblico. Come si fa a imparare sempre cose nuove? Per Elkann, "il segreto per farcela è fare le domande giuste e accettare le risposte che arrivano". Per Musk è necessario "leggere libri, parlare con persone interessanti, imparare il più possibile, ricordare che Socrate ha detto che se c’è una cosa che so, è che non so nulla. Bisogna accettare che ci siano altre persone che possono insegnarvi cose. Quando pensi di avere imparato tutto, diventi stupido".

Se avessi vent’anni, da dove inizieresti? Musk: "Ne ho 30 (in realtà sono da poco 50, ndr). Inizierei da Rna, mRna, vaccini, Rna sintetici, ricreati in laboratorio: le grandi opportunità ora sono nella medicina e nella salute. Mi pare molto promettente l'intelligenza artificiale, poi ci servono tunnel per abbattere il traffico in superficie; e trasporti, anche in aria e sull’acqua. Insomma, ci aspettano tempi molto stimolanti".

Vedremo mai una Ferrari a guida autonoma? Elkann: "Sarebbe triste, lo scopo di una Ferrari è essere guidata. In un mondo che va verso le auto autonome, la possibilità di guidare ancora avrà un valore crescente, un po' come andare a cavallo oggi". Musk: "D'altra parte, il cavallino è nel vostro logo".

Un'altra domanda tocca un tema di grande attualità: la crisi che ha investito il comparto dei semiconduttori, a causa della carenza di chip provocata dall'impennata dell'uso di dispositivi tecnologici durante la pandemia. "Sarà di breve termine credo, ci sono molte fabbriche di produzione di chip che sono in fase di costruzione e quindi credo che avremo una buona capacità di offerta di chip entro l'anno prossimo", ha detto l'imprenditore americano, che ha annunciato la produzione di chip in proprio per le Tesla.

Poi, una sorpresa, quando Musk presenta il capo della ricerca di Space X, è italiano, si chiama Mauro Prina ed è nato in una piccola cittadina della val d'Ossola, in Piemonte: "Lavoro qui da centinaia d’anni (ride, ndr), ho studiato all'università Milano, poi in CalTech, in California, poi ho lavorato alla Nasa. Ma erano troppo lenti, invece a Space X sviluppo razzi, mi occupo del ritorno dei vettori dallo Spazio, faccio ricerca sui materiali. E c'è molto da studiare: dalle piastrelle esagonali nere, che devono molto all'esperienza dei maestri di Sassuolo, fino all'uso di materiali bizzarri per un altro scopo, perfino il latte condensato comprato in Croazia (e qui Musk ha chiesto chiarimenti e abbozzato un sorriso perplesso, ndr).

La conclusione è di John Elkann: "Spero che possiate venire a Torino presto, è la capitale dell’Italia spaziale, la capitale dell’auto, la capitale del cioccolato. Ecco qui il nostro Space Chocolate per te, so che ami il cioccolato", ha detto svelando una confezione di fondente Peyrano in una valigetta di alluminio. A prova di viaggi spaziali.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito