Futuro

Tre tecnologie incredibili della Mercedes E Coupé 350 EQ-Boost

Un sistema ibrido che sembra non esserci, le manovre che si fanno con lo smartphone e massaggi con le pietre calde: viaggio nel futuro delle sportive della casa tedesca

3 minuti di lettura

La super tecnologia che le case automobilistiche stanno applicando nel settore dell’elettrificazione continua a riservare sorprese: la Mercedes sulla sua nuova E Coupé 350 EQ-Boost traccia la strada per il nuovo corso delle ibride sportiveggianti. Come? Nascondendo di fatto proprio la stessa tecnologia ibrida – mai troppo amata da una grande schiera di automobilisti – facendo in modo che la loro E Coupé sembri una classica vettura a benzina. La spinta del piccolo modulo elettrico c’è ma non si sente mai, magia del sistema di alimentazione mild hybrid a 48 Volt ormai raffinato per funzionare – appunto – proprio come se non esistesse. Chi guida non si accorge di nulla, ma le prestazioni sono nettamente superiori a quelle di un modello di analoga cilindrata (accelerazione 0-100 km/h in 5”9), i consumi sono bassissimi (in media 6.8 litri/100 Km) e le emissioni da record (appena 155 g/km di CO2).

Abbiamo parlato di cilindrata e qui c’è la seconda meraviglia tecnologica della E Coupé 350 EQ-Boost: il motore è un normale 2000 4 cilindri ma si comporta (e a volte suona) come un sei cilindri. E non solo per una questione di potenza (i cavalli sono 300) ma anche e soprattutto di fluidità di funzionamento e di coppia motrice. Certo, il modulo ibrido aiuta, ma il 4 cilindri riveduto e corretto fa la sua parte.

La terza tecnologia? Riguarda il comfort, rivisto da sua maestà Mercedes con una serie quasi infinita di idee. A partire dal fatto di avere unificato tutte le infinite e diverse funzioni per ridefinire il concetto di benessere a bordo. I pacchetti “Energizing” ad esempio offrono molti strumenti per rilassarsi, come la musica e il sound, l'illuminazione di atmosfera e i massaggi dei sedili. E tutte le funzioni – ecco l’idea - sono raggruppate in pacchetti adatti allo stato d'animo del momento di chi guida. Ogni programma è finalizzato al benessere e aiuta a ridurre lo stress.

Per capirci, i programmi Comfort “Energizing” sono “Freschezza”, “Vitalità”, “Training” (istruzioni video che mostrano, ad esempio, come sciogliere la muscolatura, disponibile ovviamente solo ad auto ferma), “Consigli” (informazioni audio della durata di tre minuti per promuovere la salute e il benessere tutti i giorni; per la testa, le spalle, il busto, la parte inferiore della schiena e il bacino) e “PowerNap” (solo per modelli ibridi o completamente elettrici e solo ad auto ferma). Facile a dirsi, complicato da realizzare: per arrivare a questo sono stati messi a punto sedili anteriori Multicontour attivi con 14 camere d'aria regolabili separatamente, per 8 diversi programmi dall'effetto rilassante, stimolante o energizzante, impostabili su due gradi d'intensità, con durata di 12-15 minuti. Due programmi permettono anche di sfruttare l'effetto del calore, ispirandosi al principio dei massaggi con le pietre calde.

E, come se non bastasse, poi c’è il pacchetto “air-balance” per profumare, ionizzare e depurare l'aria e lanciare in automatico nell’abitacolo illuminazione di atmosfera con scenari specifici a seconda del programma. Per funzionare il sistema ha un diffusore di profumo con boccetta e testina nel cassetto portaoggetti, uno ionizzatore nel canale delle bocchette di aerazione laterali e un sistema di filtraggio aria tra la zona di aspirazione e il sistema di distribuzione del climatizzatore.

Cose che si riflettono poi nella guida  con l'assetto regolabile adattivo, il cambio automatico a nove marce e i programmi di marcia individuali, tutti gestiti allo stesso modo, unificando le funzioni, per garantire una guida ancora più dinamica e soprattutto confortevole. Al concetto di ridefinizione del comfort contribuiscono poi anche l’idea di unificare gli ambienti della propria vita. Come spiegano alla Mercedes: “Home. Office. O entrambe le cose”. Ossia per far rispondere la macchina ai comandi del pilota basta pronunciare “Hey Mercedes” e il sistema multimediale “MBUX” si adatta al volo alle differenze che ogni automobilista ha di interagire con sua tua auto. Un’interazione che non finisce nemmeno quando si scende dalla macchina grazie all'ultimissima generazione delle app “Mercedes me” che permette di gestire tante situazioni quotidiane e particolari dallo smartphone. Si accede da remoto a tutti i dati di navigazione, di comfort, di manutenzione, la gestione di incidenti, la diagnosi vettura da remoto e l’aggiornamento software della macchina.

E sempre dallo smartphone si possono fare le manovre di ingresso e uscita dai parcheggi, sia in quelli longitudinali che trasversali. Il pilota rimane all’esterno della macchina e la muove, in modo totalmente automatico, facendole fare le manovre di ingresso e di uscita con il cellulare. Davanti a tanta meraviglia, sembra un gioco bloccare le porte, aprire i finestrini o controllare il livello di carburante con la stessa App.