Gli spifferi di Facebook sono arrivati al Parlamento europeo

(ansa)
La whistleblower Frances Haugen ha fatto tappa a Bruxelles per il suo 'tour' di informazione sui rischi e i pericoli legati al social network creato da Mark Zuckerberg: "So che Facebook ha risorse infinite con cui potrebbe distruggermi"
1 minuti di lettura

Dopo aver informato il Congresso Usa dei rischi legati all'utilizzo di Facebook, e aver suggerito all'amministratore delegato Mark Zuckerberg di farsi da parte - durante il suo intervento all'ultimo Web Summit di Lisbona - la whistleblower Frances Haugen ha parlato anche davanti ai membri della Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori del Parlamento europeo.

(ansa)

Haugen ha lodato gli sforzi dell'UE in merito al Digital Service Act (DSA), a cui si lavora ormai da tempo: una proposta di legge che aiuterà a controllare meglio cosa viene raccomandato dalle piattaforme online - in particolare i social network - che tutelerà maggiormente dalla merce contraffatta e ridurrà il rischio di essere bloccati e censurati da Google o Facebook senza appello.

L'ex manager di Facebook, che attraverso la diffusione di documenti interni - gli ormai famosi "Facebook Papers" - ha evidenziato come il social network metta il profitto davanti alla sicurezza dei suoi utenti, ha detto che il Digital Service Act "è una legislazione che può ispirare gli altri Paesi del mondo, compreso il mio, a inseguire nuove regole che possono salvaguardare le nostre democrazie".


Haugen, nel corso di un intervento duranto quasi due ore, è poi tornata a parlare di Facebook, dicendosi "molto precoccupata" per il metaverso su cui punta il colosso fondato da Zuckerberg. Per Haugen il fatto che la sua ex azienda investa in 10mila nuovi dipendenti per il metaverso, invece di farlo sulla sicurezza degli utenti, "è inaccettabile".


"Twitter è sostanzialmente più trasparente di Facebook" ha detto Haugen in risposta a una delle domande poste dai parlamentari UE. A chi lodava il suo coraggio, la whistleblower ha detto: "So di aver fatto la scelta giusta, so anche che Facebook ha risorse infinite che potrebbe utilizzare per distruggermi".