L'accordo

Qualcomm e Ferrari insieme per accelerare la trasformazione digitale della casa di Maranello

La 250 Spider California, icona Ferrari
La 250 Spider California, icona Ferrari 
Vigna: "Crediamo che le partnership di valore, e un'interpretazione distintiva della Ferrari, in ultima analisi, migliorino l'eccellenza del prodotto"
1 minuti di lettura

Da San Diego a Maranello, la strada ora è più breve: Qualcomm Technologies e Ferrari hanno annunciato una collaborazione tecnologica. Motivo? Accelerare la trasformazione digitale della stessa Ferrari che il neo Ceo della casa del Cavallino ha subito messo fra i suoi obiettivi primari: "Crediamo - ha detto infatti Benedetto Vigna - che l'innovazione richieda che i leader di mercato lavorino insieme. E grazie a questo accordo con Qualcomm Technologies, espandiamo le nostre conoscenze nelle tecnologie digitali e nelle aree del web 3.0 con un grande potenziale per l'automotive e il motorsport. Crediamo che le partnership di valore, e un'interpretazione distintiva della Ferrari, in ultima analisi, migliorino l'eccellenza del prodotto."

Qualcomm Technologies (colosso nel settore ricerca e sviluppo nel campo delle telecomunicazioni senza fili, fattura 35 miliardi di dollari l'anno) così farà tutto per la Ferrari: da fornitore di soluzioni di sistema per le vetture stradali, a "Premium Partner" per il team di Formula 1 della Scuderia Ferrari e per il team Ferrari eSports. Un aiuto enorme che si concretizza subito in un progetto molto importante. Ossia applicare lo "Snapdragon Digital Chassis" sulle auto stradali del cavallino. Parliamo di un sistema che - come spiegano i tecnici - "prevede piattaforme aperte e scalabili collegate al cloud necessarie per i veicoli di prossima generazione, che comprendono la telematica e la connettività, l'abitacolo digitale, così come le funzioni ADAS e utilizza un'architettura unificata per offrire una maggiore sicurezza ed esperienze digitali coinvolgenti e aggiornabili. Come parte dell'accordo, Qualcomm Technologies e i suoi partner lavoreranno anche con Ferrari per progettare, sviluppare e integrare i cockpit digitali della Ferrari".   

E poi, dicevamo, l'impegno in F1: essere Premium Partner significa che Qualcomm Technologies sarà in prima linea per lo sviluppo della macchina, le soluzioni più innovative e l'interpretazione in chiave di elettronica (questa ormai è la F1) dei rigidi regolamenti. I primi risultati di questo accordo li vedtremo presto: la stagione di F1 è alle porte. E la Scuderia Ferrari - si sa - va veloce, anche nell'utilizzo degli strumenti forniti dai nuovi partner.

Ferrari Esports Series Grand Final: Kamil Pawlowski è il campione