Safer Internet Day

Rimossi oltre 91 milioni di video: continua la lotta di TikTok contro bufale, odio e disordini alimentari

Rimossi oltre 91 milioni di video: continua la lotta di TikTok contro bufale, odio e disordini alimentari
Il social network ha aggiornato le linee guida per contrastare meglio anche le discriminazioni e la diffusione di challenge che possono essere pericolose, soprattutto per i più giovani
2 minuti di lettura

Continua l’impegno di TikTok, il social più amato dai giovanissimi (e non solo, a vedere i dati degli iscritti), per rendere la piattaforma più sicura e libera da fake news e bufale.

In occasione del Safer Internet Day di oggi, 8 febbraio, sono state aggiornate le Linee guida della Community, quelle da rispettare per essere creator (e spettatori) migliori. In particolare, nelle prossime settimane verrà dedicata ancora maggiore attenzione al contrasto delle challenge pericolose (ne avevamo scritto qui), verrà ampliato l’approccio alla questione dei disordini alimentari, saranno forniti ulteriori chiarimenti sulle ideologie e sulle forme di odio che sono proibite sulla piattaforma e in generale verrà ampliata la policy che garantisce sicurezza, integrità, disponibilità e affidabilità di TikTok.

Lotta a bufale, disordini alimentari e odio
In particolare, come ha spiegato Cormac Keenan (che guida il team Trust & Safety e avevamo intervistato qui), “continuiamo ad attuare l’approccio severo già annunciato per prevenire la diffusione di contenuti che hanno a che fare con autolesionismo e suicidio: le linee guida si trovavano in precedenza all’interno delle policy su suicidio e autolesionismo, ma ora sono messe in evidenza con più dettagli in una categoria di policy separata, in modo che sia ancora più semplice familiarizzare con esse”. Inoltre, "abbiamo sviluppato insieme con alcuni nostri creator nuovi video sul tema, che si possono visualizzare cercando l’hashtag #SicuriSuTikTok”.

Non solo: “Già venivano rimossi i contenuti che promuovono i disordini alimentari, ora inizieremo a rimuovere anche la promozione di regimi alimentari non corretti - ha spiegato ancora Keenan - Dopo esserci consultati con esperti, ricercatori e medici, introduciamo questo cambiamento perché ci rendiamo conto che si può essere alle prese con diete e comportamenti di alimentazione poco sani anche senza avere un disordine alimentare diagnosticato”. Quanto alle ideologie d’odio proibite sulla piattaforma (il cosiddetto hate speech), non sono consentiti “il deadnaming, il misgendering o la misoginia, oltre ai contenuti che supportano o promuovono le terapie di conversione - ha concluso Keenan - Anche se queste ideologie sono da tempo proibite su TikTok (e i video che ne parlano non vengono inclusi nella sezione Per Te), ci è stato suggerito dai creator e da organizzazioni della società civile che è importante citarle esplicitamente nelle nostre Linee guida della Community”.

Rimossi oltre 91 milioni di video
Per dimostrare l’efficacia di queste norme, e anche dare conto di quello che viene fatto nella pratica, TikTok pubblica regolarmente report sulla loro applicazione: nel più recente si legge che nel terzo trimestre del 2021 sono stati rimossi oltre 91 milioni di video (che sono tantissimi, ma comunque meno dell’1% di quelli caricati nel periodo); di questi, il 95% è stato rimosso prima di venire segnalato, l’88% prima di avere visualizzazioni e il 93% entro 24 ore dalla pubblicazione.

Keenan, che a giugno 2021 ci aveva raccontato di come intelligenza artificiale e operatori umani lavorino insieme per la moderazione dell’enorme mole di contenuti pubblicati su TikTok, ha ricordato che “continuiamo ad ampliare il sistema che rileva e rimuove determinate categorie di violazioni non appena vengono caricate, come le nudità di adulti e gli atti sessuali, la sicurezza dei minori e le attività illegali” e che “grazie a questo, il volume delle rimozioni automatiche è aumentato, migliorando la sicurezza complessiva della piattaforma e consentendo ai nostri team di dedicare più tempo alla revisione di contenuti ambigui o da contestualizzare”.