Sicurezza

Geoff White: "L’inferno oggi inizia quando un hacker sceglie il crimine"

Geoff White: "L’inferno oggi inizia quando un hacker sceglie il crimine"
Il giornalista investigativo della BBC ha scritto un libro sul storia della pirateria informatica. “Prendono di mira le persone, non i computer. E spesso tutto inizia con una telefonata...”
3 minuti di lettura

L'obiettivo degli hacker sono le persone, non i computer. E se vi sembra strano allora dovreste leggere il libro di Geoff White, Crime dot com. Il potere globale dell'hacking dai virus ai brogli elettorali (Odoya).
Il libro racconta la storia dell'hacking con le inchieste e le interviste che l'autore, giornalista per la BBC, ha realizzato con i protagonisti di questo mondo, in qualche caso rintracciandoli quando avevano finalmente trovato il modo per essere dimenticati.
È il caso del creatore del virus "I Love You", un filippino che adesso vende schede telefoniche al mercato di Manila, ma anche di alcuni membri di Anonymous, il gruppo di hacktivisti che hanno dato vita al filone dell'attivismo digitale distruttivo capace di manipolare i media e partecipare in prima persona a conflitti come quello russo-ucraino di questi mesi.
Il libro non sviluppa però il tema dell'hacking etico, quello che ci ha portato strumenti come Linux, il Wiki, i BBS e il software open source alla base di Android, bensì dell'hacking criminale.
Già, infatti, se una cosa non è ancora chiara a tutti è che la parola hacker ha un'origine nobile e giocosa, nata nei campus americani molto prima dell'avvento del Web, che è di vent'anni successivo alla nascita di Internet. Agli inizi l'hacker è un virtuoso della programmazione informatica che persegue un'etica precisa, quella di consentire a tutti l'uso dei computer, pensati come strumenti capaci di cambiare il mondo in meglio, attraverso l'hacking, appunto.
L'autore ne tratteggia le origini dall'epoca delle controculture californiane, quando la cultura hacker emerge da una generazione cresciuta a cavallo delle lotte per i diritti civili e per il free speech insieme agli hippy di The Well e alle azioni dissacratorie del Cult of the Dead Cow per poi diventare qualcosa di diverso. E questo accade quando i pionieri dell'hacking, geni informatici e creatori di videogame, a un certo punto incontrano il crimine informatico e capiscono che coi computer si possono fare soldi, molti soldi.

Il libro di White parla di loro: "Ho scelto di parlare dei cracker, di quelli che hanno usato l'hacking per ottenere un vantaggio personale - ci dice quando lo incontriamo - e di come questa complessa cultura si sia poi sviluppata lungo tre direttrici: le bande organizzate di criminali informatici, gli hacktivisti, i nation state hacker".
Durante l'incontro White ha detto anche: "Gli hacker sono molto diversi dalla figura del lupo solitario rappresentato con felpa e cappuccio. Anche se i media pensano che l'hacking sia fatto da persone chiuse in un sottoscala, che manipolano codici tutto il tempo, e attaccano i computer stravolgendone il funzionamento, l'hacking comincia spesso con la telefonata di qualcuno che finge di chiamarti per l'assistenza tecnica. Quasi tutti gli attacchi cominciano hackerando gli umani".


"Perché il trojan I love You ha infettato 45 milioni di computer nel mondo? Cos'altro può farti cliccare su un allegato infetto se non una lettera d'amore?"
"L'hacking oggi è al servizio della criminalità organizzata e di regimi come quello nordcoreano, che usa le capacità dei suoi hacker per manomettere il sistema bancario Swift e procurare fondi al programma missilistico di Kim Jong-un. E riguarda sia le interruzioni dell'energia elettrica che ha spento l'Ucraina nel 2014 e nel 2015, come rappresaglia da parte dei russi, sia le frodi elettorali".

Il libro diventa una discesa agli inferi romanzata dell'hacking quando White racconta le sue indagini sulla corrente scissionista di Anonymous, LulzSec, responsabile di attacchi informatici eclatanti alla HBGary, società di cybersicurezza che aveva lavorato a incastrare sia gli Anon che Julian Assange e che, da loro hackerata ha dovuto chiudere i battenti, fino alle incursioni contro PayPal e la Cia. Tre membri del gruppo su quattro avevano passaporto inglese e rappresentano un po' la storia dell'hacking fino ai giorni nostri. Lui la racconta così: "al proprio interno il gruppo era attraversato da diverse tensioni: per Tflow l'obiettivo doveva essere sempre quello di esporre le debolezze della sicurezza nelle organizzazioni che attaccavano, per Sabu spesso era presente una motivazione politica, mentre per Topiary si trattava più di mettere alla berlina le persone. Le loro personalità rispecchiavano perfettamente il mix che forma il DNA hacker descritto nel libro: Tflow rappresentava l'etica rigorosa e tecnocratica dei primi gruppi del Massachusetts Institute of Technology, Sabu sembrava incarnare la visione nobile e legata alla lotta per la libertà di John Perry Barlow e della Electronic Frontier Foundation, e Topiary rappresentava lo spirito sovversivo degli hacker texani Cult of the Dead Cow. Forse fu questo il segreto dell'ascesa fulminea di LulzSec".
Oggi gli hacker hanno subito una profonda metamorfosi, molti sono delinquenti, spie e hacker professionisti, ma quelli etici sono la maggioranza e continuano a fare quello che hanno sempre fatto: costruire strumenti per conoscere il mondo e creare bellezza.

Foto: Geoff White, giornalista investigativo e creatore di podcast

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito