In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Camera degli Sposi Nuove attribuzioni per i personaggi dipinti

Chi sono i personaggi della Camera degli Sposi? Naturalmente Ludovico II Gonzaga, la moglie Barbara di Brandeburgo, i figli, Vittorino da Feltre e via via. Ma ci sono alcuni personaggi che non hanno...

1 minuto di lettura

Chi sono i personaggi della Camera degli Sposi? Naturalmente Ludovico II Gonzaga, la moglie Barbara di Brandeburgo, i figli, Vittorino da Feltre e via via. Ma ci sono alcuni personaggi che non hanno nome. Galeazzo Nosari, storico dell'arte mantovano, ritiene di averne individuati quattro e presenterà il suo studio oggi alle 16 al Museo Archeologico, con ingresso libero da piazza Sordello. Inoltre mostrerà (striscione lungo 5 metri) tutta la geneaologia dei Gonzaga, dal 1100, quando erano ancora Corradi, fino a Francesco II. «Ho identificato personaggi finora senza nome o per me riconosciuti in modo errato basandomi sulle cronache quattrocentesche dello Schivenoglia - ci spiega lo studioso - e dagli oggetti a cui Mantegna li ha accostati».

Ecco quindi il giovane che sta a fianco di Ludovico mentre incontra il figlio Gianfrancesco, divenuto cardinale. Il ragazzo è un giovane scudiero. «In quel momento Ludovico sta partendo per la guerra, a Milano, a sostegno degli Sforza. Infatti impugna una spada da battaglia, c'è il grosso cavallo bianco, così come i mastini che accompagnavano il signore nelle imprese belliche. La somiglianza del ragazzo fa pensare all'unico nipote di Ludovico in quel momento a corte, Ugolotto, figlio del fratello Carlo che era già morto».

Un altro Gonzaga, identificato da Nosari, è quello che bisbiglia con Ludovico nella sala di famiglia. «Io dico che è Alessandro, il solo fratello superstite. E' l'unico che porta la spada e se fosse stato un funzionario o altro non gli avrebbero certo concesso di entrare armato. Era signore di Castiglione e Castel Goffredo che, alla sua morte nel 1466, lasciò a Ludovico. E lo sostituiva quando era via per imprese militari».

Il terzo individuato è un giovane biondo, in piedi, contro la colonna. «Nicolò d'Este, figlio di Margherita sorella di Ludovico II e destinato ad essere il signore di Ferrara alla morte di Lionello. Ma lo zio Borso d'Este gli sottrasse il potere e lo cacciò. Gli Este si consideravano discendenti dei romani ed ecco che Nicolò impugna una daga».

Infine l'ultima figura che sta salendo le scale, quasi cacciata via, secondo Nosari, è la figlia naturale di Ludovico, Caterina, cieca da un occhio e gobba, fatta sposare al Secco, un comandante militare degli Sforza. Lo studioso presenterà nei dettagli le motivazioni delle sue attribuzioni. Pronto a confrontarsi con altre tesi.

Maria Antonietta Filippini

I commenti dei lettori