In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Con Festivaletteratura cinque foto da spedire alle generazioni future

L'iniziativa per la ventesima edizione, raccontare la Mantova di oggi a chi verrà dopo di noi. Gli scatti andranno a costituire un fondo in Archivio di Stato

1 minuto di lettura

MANTOVA. Una campagna fotografica per i 20 anni della rassegna letteraria. Di più. Un’iniziativa che intende raccontare Mantova ai ragazzi di domani. L'immagine della città è infatti il titolo dell’iniziativa lanciata da Festivaletteratura.

«Cinque fotografie di Mantova da spedire alle generazioni future - come spiegano gli organizzatori - cinque scatti per far vedere e capire com'è la città oggi a chi nel 2016 ancora non è nato». L’iniziativa è in collaborazione con l'Archivio di Stato di Mantova e Festivaletteraura lancia questa grande iniziativa volta alla costruzione di una memoria collettiva. «E a cui sono invitati a partecipare - aggiungono - mantovani e turisti, persone che conoscono la città a menadito o che la scoprono per la prima volta, chi a Mantova è nato e cresciuto, chi ci viene per lavoro, chi ci arriva per il Festival».

Certo in una città come Mantova gli spunti non mancano. Scattare foto e condividerle sui social è cosa diffusa ma con l'Immagine della città Festivaletteratura va oltre. Ovvero per una volta invita a condividere le immagini non con gli amici di Facebook o di Instagram «ma - spiegano - con chi verrà dopo di noi e non avrà di fronte a sé la Mantova che abbiamo davanti agli occhi nel 2016».

I quesiti sono dunque quale immagine della città vogliamo lasciare loro? Quali sono gli aspetti, le cose notevoli o quotidiane della città di oggi che vorremmo fare arrivare ai nostri pronipoti attraverso una fotografia? «Con l'immagine della città - aggiungono gli organizzatori - per una volta siamo chiamati a produrre fotografie che “restano” e non si perdono nel web, a costruire tutti insieme - ciascuno con il proprio apporto personale - una sorta di memoria collettiva e consapevole della Mantova del nostro tempo, della sua realtà culturale, sociale, umana, così come noi la viviamo e la percepiamo».

Come partecipare? Tutti possono farlo, basta scattare non più di cinque fotografie, con lo smartphone o con una qualsiasi fotocamera, che “rappresentino” Mantova. Le foto vanno consegnate caricandole sulla pagina http://immaginedellacitta.festivaletteratura.it/ cliccando sul pulsante “crea il tuo profilo”, oppure - nei cinque giorni della manifestazione - consegnandole direttamente al centro di raccolta attivo nella Sacrestia dell'Archivio di Stato.

«Le immagini raccolte, proiettate durante il Festival su vari schermi in giro per la città - concludono - saranno commentate nel corso della rassegna da urbanisti, sociologi, esperti della comunicazione come Luca Molinari, Domenico De Masi e Giuseppe Mazza, e a conclusione di Festivaletteratura andranno a costituire un fondo fotografico speciale all'interno dell'Archivio di Stato». Per informazioni: tel. 0376.225768 - archivio@festivaletteratura.it

I commenti dei lettori