Tiromancino, una notte di successi al Sociale

Teatro affollatissimo: tra rock, brani acustici e grande atmosfera la band romana conquista il pubblico mantovano

MANTOVA. Rock, intensi momenti acustici e i classici di una carriera di successo. I Tiromancino hanno regalato emozioni ai circa 600 spettatori accorsi il 20 dicembre al teatro Sociale per l'evento di Mantova Spettacoli, rassegna curata da InsideOut Agency. Uno show contraddistinto da atmosfere diverse, con le canzoni più amate, ormai classici della musica italiana recente, cantate a squarciagola dal pubblico. 
 
La prima parte della serata è stata dedicata ai brani dell'ultimo lavoro Nel respiro del mondo, album di successo che ha proiettato il gruppo romano per l'ennesima volta nei piani alti delle classifiche di vendita. Prima dell’ingresso della band, si è esibita la neo diciottenne Eleonora Abbagnato, studentessa del Mantegna, con brani di Amy Winehouse e Adele. Poi, a sorpresa, Federico Zampaglione è apparso in platea prima di raggiungere i musicisti sul palco.
 

Notte di emozioni con i Tiromancino al Sociale

 
Molto apprezzati i singoli Piccoli miracoli, Tra di Noi e L'ultimo treno della notte. Le ovazioni, però, sono arrivate con i brani di maggior successo del passato. L'amatissima Per me è importante, L'alba di domani, La descrizione di un attimo, Amore impossibile, Due destini. Canzoni presentate sotto una nuova veste, ma che hanno mantenuto la loro essenza di ottimi brani pop. Non è un caso che Zampaglione, fin dagli inizi leader e faro della band, abbia sfornato hit di successo in successione in questi vent'anni di carriera. Il suo rapporto con i fan è genuino, senza filtri.
 
Eleonora Abbagnato ha aperto il concerto dei Tiromancino al Sociale
 
Dal palco del Sociale Zampaglione scherza, parla e tiene sempre vivo un filo diretto con il pubblico. Durante la serata non mancano gli omaggi ad autori particolarmente amati. Un tempo piccolo ricorda Franco Califano, definito dallo stesso Zampaglione alla Gazzetta «un grande narratore della nostra realtà». Risuonano anche le note di Felicità, vera gemma a firma Lucio Dalla. L'entusiasmo del pubblico cresce con il passare dei minuti. I Tiromancino non si risparmiano e regalano due ore e mezza di musica, facendo muovere il pubblico con i pezzi più rock e commuovendo con le toccanti ballad della loro carriera.
 
Il leader della band Federico Zampaglione in platea prima di raggiungere i musicisti sul palco (foto Fuscati)
 
La musica è sempre al centro della scena, senza effetti speciali o scenografie mirabolanti. La canzone deve essere l'unica protagonista. Il quintetto sul palco si conferma affiatato. Il bassista Francesco Stoia, il batterista Marco Pisanelli, il tastierista Fabio Verdini e il chitarrista Antonio Marcucci sono compagni di viaggio ideali per Zampaglione. La chimica non manca, il risultato non può che affascinare.
Video del giorno

La mostra dei trattori antichi a Castel Goffredo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi