Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mantova, al Ducale arriva “Donne a Palazzo”

Il 4 marzo itinerario al femminile tra arte, storia e allegorie

MANTOVA. Un tour nella reggia che si snoda lungo le sale seguendo un preciso fil rouge: raccontare le donne di Casa Gonzaga, il loro ruolo nella corte, rintracciare testimonianze in epoche diverse, ma anche simboli e immagini, da cogliere tra affreschi e decori, che rimandano all’universo femminile. Donne a Palazzo. Mogli, figlie e allegorie nel Palazzo Ducale di Mantova è infatti il titolo dell’itinerario che si terrà in Ducale domenica 4 marzo alle 16.15 guidato dalla storica dell’arte Dan ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MANTOVA. Un tour nella reggia che si snoda lungo le sale seguendo un preciso fil rouge: raccontare le donne di Casa Gonzaga, il loro ruolo nella corte, rintracciare testimonianze in epoche diverse, ma anche simboli e immagini, da cogliere tra affreschi e decori, che rimandano all’universo femminile. Donne a Palazzo. Mogli, figlie e allegorie nel Palazzo Ducale di Mantova è infatti il titolo dell’itinerario che si terrà in Ducale domenica 4 marzo alle 16.15 guidato dalla storica dell’arte Daniela Sogliani e dalla guida culturale Federica Pradella.

Un evento a tema, quello in programma, pensato in occasione della Festa della Donna (realizzato con l’agenzia viaggi On The Road Travel e in collaborazione con Mantova Outlet Village). Un tour tra arte e bellezza che stimola anche un’ulteriore riflessione. Perché - come evidenzia Daniela Sogliani - «la storia dei Gonzaga è la storia di un’assenza, quella dell’universo femminile che invece è sempre stato al centro delle vicende politiche e dinastiche della famiglia mantovana. Gli intrecci matrimoniali tra i Gonzaga e gli Asburgo sono continui nella dinastia famigliare, come quelli tra i Gonzaga e i Medici di Firenze. Le figlie e le mogli dei Gonzaga, ma anche la figura di Maria Teresa d’Austria più tardi in età asburgica, hanno lasciato un’impronta evidente nella storia, nella cultura e nell’arte mantovana, nonché nella reggia della città».

Come si svolgerà l’itinerario? Innanzitutto la visita si concentrerà nelle sale di Corte Vecchia e il pubblico sarà accompagnato lungo questo viaggio nella storia che ha appunto lo scopo di far emergere «quelle figure femminili, storiche o allegoriche, che popolano i dipinti e gli affreschi». Dal percorso emergeranno riferimenti a madri, mogli, figlie di Casa Gonzaga, aneddoti di vita privata delle nobildonne ma anche aspetti legati alla vita di corte, alle nozze, ai titoli, alle doti e alle leggi dell’epoca. Quello proposto sarà insomma un percorso guidato a Palazzo Ducale pensato “al femminile” e che nel corso della conversazione proporrà anche analisi sulla situazione delle donne di ieri e di oggi. Si parlerà, ad esempio, prendendo spunto dal celebre affresco a soggetto cavalleresco dipinto da Pisanello, delle figure femminili del mondo cortese.

Ma anche, proseguedo la visita nella Sala degli Arcieri, come venivano rappresentate le donne in alcune opere. Ad esempio nella famosa tela del Rubens la “Famiglia Gonzaga in adorazione della Trinità”. Nella pala sono raffigurati infatti, oltre al duca Vincenzo I, sua moglie Eleonora de' Medici, accanto alle immagini dei genitori il duca Guglielmo Gonzaga ed Eleonora d'Austria. E ci si soffermerà dunque sulle due Eleonore. Così come si analizzeranno le figure femminili di un’altra celebre pala ovvero la Moltiplicazione dei pani e dei pesci di Domenico Fetti. Un’imponente lunetta del 1620 che l’artista realizzò per il refettorio della chiesa di Sant'Orsola. Ma, come si diceva, ci sarà spazio anche per un’analisi delle allegorie legate alle figure femminili con tappe ad esempio nella Sala degli Specchi e nella Sala dello Zodiaco. L’evento si concluderà con brindisi e apericena al Ristorante Leon d’Oro (Piazza Sordello n. 13). L’appuntamento è il 4 marzo alle 16.15 con ritrovo alla biglietteria di Palazzo Ducale. La visita guidata è a pagamento e per informazioni ci si può rivolgere a i seguenti numeri dell’agenzia tel. 0376 337149, cell. 338-8052426. Oppure consultare www.ontheroadtravel.it.