Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ducale, delegazione al Louvre per la mostra su Giulio Romano

Proseguono i rapporti internazionali per l’allestimento della mostra clou del 2019, che vedrà Mantova omaggiare Giulio Romano presentandosi come vero e proprio “museo diffuso” del genio del...

Proseguono i rapporti internazionali per l’allestimento della mostra clou del 2019, che vedrà Mantova omaggiare Giulio Romano presentandosi come vero e proprio “museo diffuso” del genio del Rinascimento. Ieri, al Departments des Arts Graphiques del Louvre, intensa giornata di lavoro: Dominique Cordellier (Conservatore capo del Département des Arts graphiques del Louvre) a sinistra nella foto tra Laura Angelucci e Roberta Serra (Ingénieur d’études al Département des Arts graphiques del Musée ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Proseguono i rapporti internazionali per l’allestimento della mostra clou del 2019, che vedrà Mantova omaggiare Giulio Romano presentandosi come vero e proprio “museo diffuso” del genio del Rinascimento. Ieri, al Departments des Arts Graphiques del Louvre, intensa giornata di lavoro: Dominique Cordellier (Conservatore capo del Département des Arts graphiques del Louvre) a sinistra nella foto tra Laura Angelucci e Roberta Serra (Ingénieur d’études al Département des Arts graphiques del Musée du Louvre, già curatrici delle esposizioni al Louvre di Giulio Romano del 2012-2013) con Peter Assmann e Paolo Bertelli, rispettivamente direttore del Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova e membro del Comitato scientifico, a Parigi per concordare prestiti e cronoprogramma.

Nella capitale francese, inoltre, Assmann e Bertelli saranno oggi tra i relatori del convegno “Città ideali: dalle utopie rinascimentali alle odierne smart cities”. La mostra in corso a Palazzo Ducale, infatti, sarà al centro di un incontro organizzato presso l’Istituto italiano di Cultura, spunto per una riflessione sulle metamorfosi di questo mito - le Città Ideali - che mette la tecnologia al servizio di città “intelligenti” e sostenibili. Assmann e Paolo Bertelli, storico dell'arte e curatore della mostra, dialogheranno con Cesare de Seta, eminente storico dell'architettura e docente presso l'Università di Napoli, e con il saggista Frédéric Martel dell'Università delle Arti di Zurigo, autore di “Smart. Enquête sur les internets”.