Premio Acerbi: presentati i tre scrittori norvegesi

Con il saluto di Piero Gualtierotti, castellano e presidente dell’Accademia nazionale virgiliana, si è aperta ieri nella sala consiliare di Castel Goffredo la XXVI edizione del Premio intitolato a...

Con il saluto di Piero Gualtierotti, castellano e presidente dell’Accademia nazionale virgiliana, si è aperta ieri nella sala consiliare di Castel Goffredo la XXVI edizione del Premio intitolato a Giuseppe Acerbi, esploratore e intellettuale che visitò il mondo, dal Nord Europa all'Egitto. Quest’anno gli autori in concorso arriveranno dalla Norvegia: tre giovani come Levi Henriksen, col romanzo Norwegian Blues; Gabriel Vosgraff Moro, con Là dove entra la luce; Monica Kristensen, autrice di Operazione Fritham. Sono stati presentati ieri nel pomeriggio letterario Luci sulla letteratura norvegese, con interventi di Simona Cappellari dell'Università di Mantova e Sara Culeddu dell'Università di Firenze. «Penso che la chiave del successo del Premio sia quella di dedicare, a ogni edizione, un intero anno di studi e lavoro – afferma Rosanna Colognesi, segretaria dell'Associazione Acerbi -. Un cammino dedicato alla scelta delle opere da candidare, all'ampliamento della giuria popolare, al consolidamento della giuria scientifica, fino alla votazione che sancisce il vincitore e alla cerimonia di consegna seguita dai numerosi incontri con studenti, le sezioni di giuria, i lettori, e all'organizzazione di viaggi e missioni di carattere economico-culturale che hanno portato il nome di Castel Goffredo in tutto il mondo».

Video del giorno

Patrick Zaky, nel tribunale di Mansoura subito dopo l'annuncio del suo rilascio

La guida allo shopping del Gruppo Gedi