Gli anni di Rossini, in un convegno le arti e le lettere della sua epoca

Venerdì e sabato nella Sala Ovale le relazioni di storici e musicologi  

MANTOVA. L’Accademia Nazionale Virgiliana possiede fogli di partitura autografi di Gioachino Rossini, che entrarono a far parte della cantata “Giovanna d’Arco” composta nel 1845 da Lucio Campiani 23enne. Campiani donò quelle carte all’Accademia che, venerdì 21 e sabato 22 dicembre, promuove, con il patrocinio della Fondazione Bam e la collaborazione del conservatorio, il convegno “Formazione musicale, letteraria e teatrale al tempo di Rossini”.

La ricerca abbraccia un secolo: dalla rifondazione dell’Accademia di Mantova voluta da Maria Teresa d’Austria nel 1768 alla morte di Rossini nel 1868. Il convegno si aprirà venerdì alle 16 nella Sala Ovale con l’intervento di Paola Besutti proprio sulle pagine autografe di Rossini per Campiani, che potrebbe essere definito suo allievo poiché studiava al liceo musicale di Bologna dove Rossini era consulente perpetuo onorario. La musicologa Licia Mari ha svolto ulteriori indagini sull’influenza di Rossini sulla formazione musicale di Campiani. Tra storia e musica le relazioni successive.

Di Francesca Seller sul progresso in Italia dell’arte musicale e il ruolo educativo e ricreativo delle accademie a Napoli nell’800. Di Simona Brunetti una ricerca sul teatro italiano tra restaurazione e unità. Simonetta Chiappini esaminerà natura e cultura nella vocalità rossiniana. Seguiranno, alle 18, gli interventi musicali a cura del Quartetto dell’Accademia: Paolo Ghidoni, Agnese Tasso, Eva Impellizzeri e Michele Ballarini, con il soprano Wang Yu, allieva di Salvatore Ragonese al conservatorio Campiani. La giornata di studi di venerdì si chiuderà alle 21, al Bibiena, con il concerto “Rossini e Mantova: nel 150° anniversario della morte del maestro”. In programma musiche di Luigi Gatti, Antonio Bonazzi, Rossini e Mozart eseguite dagli archi dell’Accademia, con primo violino concertatore e solista Paolo Ghidoni.

Il convegno proseguirà sabato, dalle 10, nella Sala Ovale. Interverranno Paolo Giovanni Maione, Francesco Cotticelli e Rosa Cafiero, con focus tra ‘700 e ‘800 su Napoli, dove Rossini visse dal 1815 al 1822. Chiuderà il convegno Luca Aversano con “L’insegnamento del violino in Italia al tempo di Rossini”. Rossini soggiornò dieci giorni a Mantova nel 1836. Fu acclamato al Teatro Sociale l’8 e il 9 novembre, con cronaca il 12 sulla Gazzetta

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La fuga disperata dalla trappola russa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi