Quel Gavardi di Asola che rubò tredici manoscritti di Leonardo

Sfruttò il ruolo di insegnante di lettere a casa di Melzi, il pupillo del grande artista. Li portò poi a Firenze cercando di venderli ai Medici, ma non ebbe fortuna