In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Porto Mantovano, il giardino di Villa di Bagno svela i suoi segreti

Visita guidata con i Giovani del Fai: un tuffo nel passato per assaporare le suggestioni romantiche dell’Italia di metà Ottocento

1 minuto di lettura

PORTO MANTOVANO. Il 17 giugno, alle 19, il gruppo Fai Giovani di Mantova propone un percorso alla scoperta del bellissimo giardino di Villa di Bagno, a Bancole di Porto Mantovano. Fu nel 1841 che il marchese Leopoldo di Bagno commissionò all’architetto bergamasco Giovanni Battista Vergani la costruzione di una villa suburbana circondata da un sontuoso giardino e proprio per il giardino aveva in mente un disegno ben preciso: doveva essere in stile romantico inglese, e quindi ispirarsi a quel movimento artistico che si andava diffondendo in tutta Europa, oltre a dover essere un luogo in cui l’uomo si immerge nella natura.

Partendo dai progetti originali del Vergani, Maurizio Bovi, proprietario della villa e appassionato botanico, ha ricreato il giardino esattamente come lo aveva voluto il marchese di Bagno, con tutti quegli elementi come il laghetto irregolare, il tempietto, la grotta, la torre gotica, la montagnola che dello stile romantico erano le componenti essenziali. La visita del giardino permetterà letteralmente di fare un tuffo nel passato e di assaporare quelle suggestioni romantiche dell’Italia di metà Ottocento.

Il ritrovo è quindi alle 19 a Villa di Bagno, Porto Mantovano, ingresso da via Bachelet (accanto al ristorante Le Scuderie). L’evento è aperto a tutti con contributo a partire da 5 euro per gli iscritti Fai e da 8 euro per i non iscritti. Possibilità di iscriversi al Fai in loco alla quota di benvenuto Fai Giovani di 15 euro dai 18 ai 35 anni e possibilità di rinnovo alla stessa quota. Prenotazione obbligatoria attraverso il modulo http://bit.ly/villadibagno2019. I posti sono limitati. Per informazioni: prenotazioni.mantova@faigiovani.fondoambiente.it.
 

I commenti dei lettori