Stella Bassani torna in cd Il nuovo singolo è online sulle piattaforme digitali

Da ieri Viy'huda le'olam teshev, il nuovo singolo dell’artista mantovana Stella Bassani, è scaricabile da tutte le piattaforme digitali (iTunes, Spotify, Youtube…) e distribuito in 240 Paesi del mondo. Il brano, musicato da Y. Yacobson e composto da alcune frasi tratte dal Vecchio Testamento, è stato prodotto e arrangiato da Dave Rodgers per l’etichetta italiana Long digital playing srl edizioni musicali. «Così, su un tempo ballabile e una ritmica decisamente accattivante - anticipa una nota del disco -, Stella intona un tormentone melodico in ebraico antico alternandovi parole in lingua italiana. Bassani, soprannominata nel settore “la voce degli angeli” (data la sua timbrica vocale chiara e profonda, quasi una voce bianca), torna nel mercato discografico a distanza di sei anni dall’esordio, dopo il grande successo di critica e di pubblico dell’album “I giardini di Israel”, disco che si fece notare per l’anomala combinazione musicale di pop ed etno-folk d’autore, con ben 8 canzoni in lingua ebraica e solo due in lingua italiana».

Dal 2013 al 2019, nel frattempo, l’artista mantovana (di famiglia ebraica) è stata anche testimonial di molte iniziative legate alla Giornata della memoria e alla Giornata europea della cultura ebraica.


Viy'huda le'olam teshev è un canto d’amore «per la propria terra, per la vita e per la pace tra i popoli che, spesso, a causa di guerre e povertà, sono costretti ad abbandonare casa, amici e famiglia per poter sopravvivere». Stella Bassani nel 2015 ha partecipato al Festival Ascoli Holy Music, rassegna internazionale della musica per la preghiera, duettando con il trio gospel Anno Domini. —

La guida allo shopping del Gruppo Gedi