Teresiana e Baratta: una doppia mostra per celebrare i 70 anni della Bur

Viaggio nella storia dell’editoria e della grafica in Italia:  tra i capolavori Rizzoli esposti anche “I promessi sposi” 

MANTOVA. Una doppia esposizione che racconta i settant’anni di Bur, la Biblioteca Universale Rizzoli. Un viaggio nella storia dell’editoria, della grafica e del nostro Paese, possibile grazie a due mostre in programma alla biblioteca comunale Teresiana e alla biblioteca Gino Baratta.

Mantova, mostra per i 70 anni della Bur



Si è tenuta alla Teresiana un’affollata inaugurazione riservata ai gruppi di lettura. In tanti hanno ammirato le teche nelle quali sono esposte le edizioni del tascabile più famoso d’Italia. Spazio d’onore per il primo titolo uscito nel 1949, I promessi sposi. Le esposizioni saranno visitabili nei giorni di Festivaletteratura ad ingresso libero. Alla Teresiana da oggi a domenica (9-13 e 14-18) e al Baratta da oggi a sabato (9-20). Tre le sezioni alla Teresiana: La letteratura per tutti-La prima Bur, Universale ed enciclopedica-La nuova Bur dagli anni Settanta e Incontrare i lettori nell'era dell'immagine-La Bur di oggi.

«Rizzoli ha portato i tascabili in Italia - racconta Federica Magro, responsabile editoriale Bur e curatrice della mostra della Teresiana - Un’operazione culturale importante realizzata nell’immediato dopoguerra. I lettori, ad un prezzo di poco superiore di quello di un rotocalco, ebbero la possibilità di accedere ad una selezione autoriale di alto livello». Dopo un paio d’anni di pausa nei primi anni Settanta, Bur rinacque nel 1974 reinventandosi. Non solo classici, ma narrativa contemporanea, saggistica e persino fumetti. Pezzi storici che i visitatori potranno ammirare da vicino, una selezione di un catalogo che vanta migliaia di titoli. Un’evoluzione riscontrabile anche nei mutamenti della grafica delle copertine. Dall’essenzialità dei 'grigini' delle origini alle ricercate immagini delle cover delle diverse collane di oggi, passando per le variopinte copertine anni Settanta, audaci e colorate. «La scelta di realizzare la mostra qui è dovuta al grande legame con Festivaletteratura, manifestazione della quale siamo seguaci affezionati - prosegue Magro - Nei mesi scorsi abbiamo invece realizzato una sorta di festival itinerante, da Milano a Palermo, con gli autori Rizzoli che hanno raccontato Bur dal loro punto di vista».

Sarà esposta, invece, al Baratta la collezione di titoli in possesso della biblioteca. La presentazione di questa esposizione è in programma giovedì 5 settembre alle  17 alla presenza di Cesare Guerra, Elsa Riccadonna e dello scrittore Piersandro Pallavicini. Tra gli eventi collaterali, la conferenza Alle origini del libro a stampa. Battista Farfengo e il libro popolare (1489-1500), in programma venerdì alle 17 alla Teresiana. Relatore sarà Giancarlo Petrella, bibliografo e storico del libro. Petrella racconterà l’avventura imprenditoriale del sacerdote Battista Farfengo che, fra il 1489 e il 1500, pubblicò oltre cinquanta edizioni, oggi di straordinaria rarità, due delle quali conservate in copia unica proprio alla Teresiana.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi