Le vie dei tesori, due weekend per riscoprire i luoghi d’arte

Il 19, 20, 26 e 27 ottobre saranno in campo cento studenti con gli Amici di Palazzo Te. Il tour alla scoperta del palazzo del Podestà sarà nell'ultimo fine settimana

MANTOVA. Dieci luoghi della città spesso chiusi al pubblico che potranno essere visitati con giovani guide d'eccezione. Dopo il successo della prima edizione torna Le vie di tesori, evento organizzato dall'associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani.

L'appuntamento è per sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 con orario continuato dalle 10 alle 17.30 (ultimo ingresso 17). I luoghi scelti sono l'Archivio di Stato, la biblioteca Teresiana, il liceo classico Virgilio, la chiesa di San Martino in via Pomponazzo, l'impianto idrovoro di ponte Arlotto a Fiera Catena, la chiesa di Sant'Apollonia in via Benzoni, palazzo Aldegatti in via Chiassi, il palazzo del Podestà, palazzo Andreasi in via Cavour e la chiesa di Sant'Orsola in corso Vittorio Emanuele II. A guidare i visitatori saranno più di 100 studenti di cinque istituti superiori cittadini: liceo classico Virgilio, liceo scientifico Belfiore, liceo artistico Giulio Romano, Fermi e Bonomi Mazzolari.

Al loro fianco, cinquanta volontari degli Amici di Palazzo Te. A palazzo del Podestà le visite guidate, limitate alle giornate del 26 e del 27, saranno a cura del polo di Mantova del politecnico di Milano. Il costo per l'ingresso ad un singolo luogo è di 3 euro. Possibile acquistare un abbonamento per quattro luoghi al costo di 10 euro e per tutti e dieci i luoghi al prezzo di 18 euro. Prevendita attiva alla chiesa della Madonna della Vittoria i giorni mercoledì, giovedì, venerdì e sabato dalle 10 alle 12.30. Tutti i biglietti sono acquistabili online al sito www.viedeitesori.it.

L'evento viene realizzato in collaborazione con Comune di Mantova, le cinque scuole del progetto, la fondazione Le Pescherie Giulio Romano, archivio di Stato, biblioteca Teresiana, diocesi di Mantova, consorzio di bonifica dei Territorio del Mincio, politecnico di Milano, enti e privati cittadini. «Questo è un festival del patrimonio - il commento di Italo Scaietta, presidente degli Amici di Palazzo Te - Proseguiamo nel percorso di valorizzazione con un racconto affidato quasi completamente ai giovani». «Questa iniziativa - ha aggiunto il sindaco Mattia Palazzi - è nata per far sì che i giovani si innamorino di un patrimonio culturale che in futuro dovranno difendere. Mi aspetto che i ragazzi - ha concluso - in futuro possano tirare la giacchetta a chi governa in modo che abbia bene in mente il dovere di valorizzare un patrimonio storico e artistico così importante».
 

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

La guida allo shopping del Gruppo Gedi