Mantova, palazzo Te e palazzo d’Arco: rilancio con la supercard

Per sei mesi, al costo di sei euro, consentirà di accedere ai musei civici. E Segni d’Infanzia propone “Mitica estate” per bambini dai sei agli undici anni

MANTOVA. Ritorno al futuro per i palazzi Te e d’Arco. Nessun vuoto nella cultura di Mantova, ma un’occasione per cogliere nuove opportunità nonostante il Covid. Le iniziative sono state presentate a palazzo Te nella sala dei Cavalli, emblema della corsa vincente dei purosangue Gonzaga. Il primo progetto delle fondazioni palazzo Te e palazzo d’Arco, grazie al contributo di Fondazione Bam, intende recuperare la socialità e legittimare il diritto alla cultura per i residenti a Mantova e provincia con una supercard che per sei mesi, da luglio a fine anno, al costo complessivo di soli 6 euro (1 euro al mese) consentirà di accedere ogni volta che si desidera ai musei civici di palazzo Te e San Sebastiano e al museo di palazzo d’Arco (aperto 40 anni fa nel 1980, mentre nel 1880 nacque la benefattrice contessa Giovanna d’Arco, scomparsa nel 1973). La card è acquistabile online sul sito www.fondazionepalazzote.it o direttamente in biglietteria a palazzo Te. Nel 2021 la card costerà 12 euro per tutto l’anno. Le visite a palazzo d’Arco comprenderanno la sala dello Zodiaco (realizzata esattamente 500 anni fa, nel 1520) e il museo di scienze naturali.

Per settembre sarà realizzato un elevatore per portare al primo piano le persone disabili. Il 6 settembre sarà inaugurata la mostra dedicata al gabinetto naturalistico del conte Luigi d’Arco. Il secondo progetto, “Mitica estate”, è organizzato in collaborazione con l’associazione Segni d’Infanzia: il campo estivo è rivolto a bambine e bambini dai 6 agli 11 anni e combina nuove modalità didattiche e forme di apprendimento non formale, per trascorrere le mattinate estive a palazzo Te in tutta sicurezza. Le attività, ideate da Segni d’infanzia, trovano una chiave di lettura che fa emergere la teatralità del palazzo, usando il potere del mito di contenere storie, di trasformare emozioni e sentimenti umani in avventure epiche, permettendone la rielaborazione nella giusta distanza. La proposta formativa è programmata su quattro settimane nel mese di luglio a partire da lunedì 6, con frequenza dalle 8 alle 13 e, in accordo con le direttive a norma di legge, potrà accogliere massimo due gruppi di 7 bambini ciascuno. Le iscrizioni, aperte da oggi (mercoledì 24 giugno), si effettuano online sul sito www.segnidinfanzia.org. Il costo a settimana è di 60 euro. Info: 0376 1511955.

Il terzo progetto è Spazio Te Estate, destinato a riattivare il giardino dell’Esedra, per accompagnare la possibilità che questo splendido spazio possa essere accessibile gratuitamente alla cittadinanza, offrendo non solo la possibilità di fruire di una prospettiva preziosa sul palazzo, ma anche di partecipare a momenti di intrattenimento, di proposta culturale e di relax. La riapertura dello Spazio Te Bar, animato dai raffinati drink di Mirko Salvagno, è un complemento importante di questa progettazione. Per presentare le iniziative, nella sala dei Cavalli sono intervenuti Stefano Baia Curioni direttore della fondazione Te, Italo Scaietta conservatore Museo Palazzo d’Arco, Cristina Cazzola direttrice artistica Segni d’Infanzia e il sindaco Mattia Palazzi.




 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi