Contenuto riservato agli abbonati

“Le stagioni del lavoro”: Marcaria presenta la mostra diffusa con scatti en plein air

Da sabato anche a Campitello, Gabbiana e San Michele vie e piazze si animeranno con i pannelli della rassegna

MARCARIA. Una mostra fotografica diffusa, en plein air, con al centro il tema del lavoro e le sue trasformazioni nei decenni. A partire da sabato, Marcaria e alcune delle sue frazioni si tingeranno dei colori dei ricordi e della primavera 2021 appena sbocciata.

Nel novero delle iniziative della rassegna culturale “Marcaria Springtime. La stagione della cultura”, a Campitello, Gabbiana, Marcaria e San Michele in Bosco, vie e piazze si animeranno con i pannelli della mostra “Le stagioni del lavoro. Fotografie e memoria della gente di Marcaria”. Un resoconto per immagini che tocca gli ultimi cento anni della storia del Comune di Marcaria.


Una storia raccontata attraverso il filtro del lavoro e dei luoghi dove si è sviluppato in questo secolo. Ad inviare gli scatti sono stati nelle scorse settimane gli stessi cittadini. I pannelli espositivi sono stati ricavati negli spazi dove solitamente vengono affissi i manifesti elettorali.

Le opere saranno presenti a Campitello in via Donizetti, piazzale Avis e in via Rossini, a Gabbiana in via Donatori del Sangue, a Marcaria in piazza Umberto I e San Michele in Bosco in piazza dei Donatori del Sangue.

L'iniziativa gode del sostegno di Comune di Marcaria, Fondazione Cariverona, Charta Cooperativa Sociale, Pantacon e Rete Bibliotecaria Mantovana.

«Il tema del lavoro è particolarmente attuale e questa mostra ci invita a riflettere - spiega Gloria Castagna, assessore alla Cultura del Comune di Marcaria - Siamo in un momento storico nel quale il mondo del lavoro e la vita quotidiana ci appaiono in tutta la loro precarietà. Con questa iniziativa miriamo a riscoprire le nostre radici e a dare un segno di speranza».

Le opere saranno visibili almeno fino al 30 aprile, ma è possibile che l'esposizione venga poi ulteriormente prorogata. Con l'obiettivo di evitare assembramenti, la cerimonia di inaugurazione si terrà nella giornata di sabato con la pubblicazione sui social del Comune di un video inaugurale.

«Le foto sono di grandi dimensioni e di notevole impatto. L'aiuto dei cittadini di Marcaria è stato fondamentale. Il nostro invito è quello di continuare ad aiutarci. Se, magari vedendo la mostra, qualcuno dovesse ricordare di avere qualche foto del passato nel cassetto o in qualche armadio e volesse inviarcela, per noi sarebbe una gioia. Speriamo che in molti si facciano avanti, in modo da organizzare una seconda tornata di scatti».

Tra le foto inviate, quelle di lavoratrici e lavoratori impegnati in botteghe storiche, campi, latterie, mulini, allevamenti. Senza dimenticare gli scatti di manifestazioni e proteste o di feste popolari. La rassegna “Marcaria Springtime. La stagione della cultura” vivrà un appuntamento anche venerdì sera alle 20.30.

Sui canali social della biblioteca Martani di Marcaria, infatti, andrà in onda l'incontro con la scrittrice Federica Manzon. Nell'evento, condotto da Simonetta Bitasi, si parlerà dell'ultimo romanzo di Manzon, Il bosco del confine, edito da Aboca.

L'evento è patrocinato dalla Rete Bibliotecaria Mantovana. In collaborazione con il gruppo di lettura di Marcaria “I Lettori di Marca” e con tutti i gruppi di lettura delle biblioteche mantovane.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi