“Metamorfosi di forme mutate”: va in scena il Teatro del Lemming

Riprende la stagione Pubblico Non Privato a cura di Teatro Magro e Zero Beat. Giovedì 13 maggio nella sede di Cittadella con quattro repliche a partire dalle 18

MANTOVA. Metamorfosi di forme mutate, spettacolo di Teatro del Lemming, è l’evento di ripartenza in presenza della stagione 2020-21 del progetto Pnp Pubblico Non Privato. L’appuntamento è per giovedì 13 maggio con quattro repliche fissate alle ore 18, 18.45, 19.30 e 20.15 alla home di Teatro Magro a Cittadella, in via Brescia 2C.

La rassegna Pnp Pubblico Non Privato nasce dall'omonimo progetto di Teatro Magro e Zero Beat in collaborazione con gli Spettatori Mobili, cittadini mantovani (e non solo) tra i 16 e i 70 anni interessati a ricoprire un ruolo attivo nel progetto.


Gli Spettatori Mobili hanno partecipato a numerosi festival di teatro contemporaneo su tutto il territorio nazionale e hanno selezionato gli spettacoli da ospitare nella propria città. Metamorfosi di forme mutate, liberamente ispirato alle Metamorfosi di Ovidio e diretto dal regista Massimo Munaro, propone per ogni partecipante un’immersione intima e personale nello spazio del rito, del mito e del ricordo.

Lo spettacolo avrebbe dovuto debuttare nel giugno 2020 con il titolo Metamorfosi-Nel labirinto della memoria. Dopo diversi studi preparatori, lo spettacolo aveva trovato la sua forma definitiva in un percorso labirintico dedicato a un piccolo gruppo di partecipanti. La relazione prossemica e sensoriale con lo spettatore era però tale che, in seguito all’esplodere dell’emergenza sanitaria, si è compreso che sarebbe stato impossibile realizzare lo spettacolo per come era stato concepito. Da qui la decisione di rimandare di un anno il debutto.

«Le regole per la riapertura dei teatri sono piuttosto gravose - spiega il regista Munaro - Gli attori, senza mascherina, devono mantenere una distanza tra loro di un metro e dallo spettatore di due metri. E gli spettatori, tra loro, almeno di un metro. Poiché però siamo rifuggiti, fin dall’inizio dell’emergenza, dalle piattaforme online, non ci era possibile sottrarci alla sfida».

In scena Alessio Papa, Diana Ferrantini, Fiorella Tommasini, Katia Raguso, Marina Carluccio. Frammenti poetici da Publio Ovidio Nasone, Bino Rebellato, Nina Nasilli, Massimo Munaro.

«Siamo felici, fiduciosi e speranzosi per questa ripartenza legata a Pnp - spiega Silvia Cortellazzi, socio under 35 e attrice di Teatro Magro - A breve annunceremo gli eventi dei prossimi mesi, in programma tra città e provincia, con anche alcune nostre produzioni».

Lo spettacolo rientra nel progetto Connessioni, rete, prodotta, gestita e diretta dal Teatro del Lemming, che promuove la circuitazione del teatro di ricerca attraverso una progettazione condivisa tra i partner. Prenotazione obbligatoria a pubblicononprivato@gmail.com oppure tel. 347-0860228. Biglietti: intero 12 euro, 8 euro il ridotto (under 25, allievi scuole di teatro, Spettatori Mobili, LAIVin Card).


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Maltempo in Sicilia, in arrivo il "Medicane": attesi nubifragi e venti fino a 100 km/h

La guida allo shopping del Gruppo Gedi