MantovArchitettura rilancia, lunedì c’è Souto de Moura

Il prorettore del Polo di Mantova del Politecnico dal teatro all’Antica: «Ritroviamo una normalità che avevamo dimenticato in questo terribile anno» 

SABBIONETA. «Questo è un momento di particolare emozione. Anche se con distanze e norme di sicurezza, ritroviamo una normalità che avevamo dimenticato in questo terribile anno». Il prorettore del Polo di Mantova del Politecnico, Federico Bucci, ha aperto così, dal palco del teatro all'Antica di Sabbioneta, l'ottava edizione di MantovArchitettura. Un’inaugurazione registrata in presenza e visibile al pubblico sul canale YouTube @Mantova Campus.

A tagliare il nastro virtuale anche Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano. «Abbiamo capito che la tecnologia è uno strumento prezioso, ma non l’obiettivo - le sue parole - La nostra società è fatta di relazioni. Per questo è bello essere qui: per voltiamo pagina. Questo è il primo evento che riparte in presenza. Non si può pensare a un corso di laurea in architettura senza studenti attorno a un plastico o a un tavolo a confrontarsi con i docenti. Non si può fare ricerca senza ritrovarsi tutti in un laboratorio. E non possiamo non avere studenti e docenti nelle nostre città».

Non sono mancati i messaggi dei due sindaci. «Il nostro territorio è l'esempio di quanto studio, ingegno e preparazione siano importanti per lo sviluppo di una città e delle persone che la vivono - il commento del sindaco di Sabbioneta, Marco Pasquali - Siamo felici che la rassegna preveda eventi anche nella nostra città». «Grazie per aver organizzato anche quest’anno un evento di rilevanza internazionale - aggiunge Mattia Palazzi, sindaco di Mantova - Un evento importante che ha portato a Mantova voci autorevoli, architetti, storici, giovani. La rassegna è importante anche per il tempo nella quale si colloca. Un tempo nel quale siamo chiamati a ripensare lo spazio urbano e a ridistribuire vita sociale e culturale nella nostra città». Intervenuti anche il prorettore vicario Donatella Sciuto, il prorettore delegato Emilio Faroldi, il direttore generale Graziano Dragoni, la rappresentante degli studenti del Polo di Mantova Valeria Lualdi e Alessandro Valenti, presidente dell'Ordine degli Architetti.

La cerimonia si è chiusa con una performance di Teatro Magro. Un estratto di uno spettacolo ispirato a “Specie di spazi”, libro di Georges Perec, e alla favola de “I tre porcellini”, che sarà rappresentato a settembre a Sabbioneta. Lunedì alle 18 primo appuntamento sul canale YouTube @Mantova Campus. Luigi Spinelli, docente di progettazione architettonica, introduce la conferenza dell'architetto portoghese Eduardo Souto de Moura, Pritzker Architecture Prize nel 2011, dal titolo “Progettare sulla storia”. Souto de Moura presenterà alcuni dei suoi progetti più significativi sul patrimonio ed esporrà il suo metodo di approccio alle preesistenze architettoniche e archeologiche.

Lunedì 10 in programma due incontri. Alle 15.30 Marco Borsotti, docente di architettura degli interni al Polo di Mantova, aprirà la lezione dell'architetto Mark De Jong, fondatore dello studio di interior design di Amsterdam Kossmanndejong; alle 18 l'architetto colombiano Giancarlo Mazzanti presenterà i suoi ultimi lavori.

Video del giorno

Mantova entra nel clima natalizio: ecco i mercatini e l'albero di Bressanone

La guida allo shopping del Gruppo Gedi