Addio al commediografo e poeta Augusto Morselli

MANTOVA. Augusto Morselli, commediografo, poeta e musicista mantovano, è mancato sabato 15 maggio. Era nato a Mantova il 27 settembre 1946. Lascia la moglie Chiara, le figlie Rachele e Maria Cecilia e tre nipoti. I funerali si svolgeranno martedì 18 partendo dalla casa funeraria Maffioli, a Levata, proseguendo per la chiesa del Gradaro alle 10.30.

 Di indole riservata, le sue opere - una settantina tra libri, commedie in dialetto e musicali, atti unici, monologhi, testi di poesia drammatica, racconti e libretti d’opera - parlano per lui.

L’anno scorso, su nostra insistenza, aveva accettato di raccontare un po’ della sua vita, così il 18 gennaio 2020 la Gazzetta gli dedicò una pagina, come personaggio, nell’inserto del sabato. La sua è stata un’esistenza dedicata per oltre mezzo secolo alla cultura nel senso più ampio, da quella alta alla popolare.

Tra il 2009 e il 2012 ha tradotto in dialetto l’Iliade, l’Odissea, l’Eneide e la Bibbia.Le sue commedie mantovane, spesso tradotte in altri dialetti, sono state per anni rappresentate in diversi paesi delle province di Mantova, Brescia, Cremona e Rimini. Morselli ha collaborato con l’Orchestra da camera di Mantova, partecipando cinque volte alle edizioni di “Madama DoRe” e a due di “Pierino e il lupo” come voce recitante.

Collaborò anche con l’Università della Terza Età tenendo conferenze di carattere musicale. Molti allora studenti lo ricordano come insegnante in varie sedi della nostra provincia finché nel 1977, dopo aver vinto il concorso, insegnò educazione musicale alla scuola media “Don Milani” di San Giorgio fino alla pensione nel 2006. La cultura è in lutto. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

La guida allo shopping del Gruppo Gedi