Con il Fai tra le bellezze nascoste: visite a Castiglione e Nuvolato

vin.brun@gmail.com

Viaggio nello spirito romantico di Palazzo Beschi e del giardino di Casa Nodari. A Quistello sulle orme di Gorni che fece del suo territorio un museo diffuso

MANTOVA. Programma ricco per le Giornate d’Autunno del Fai. Molte le location aperte in città e in provincia. Come da tradizione, nell’Alto Mantovano il gruppo di volontari che gestirà le aperture di due luoghi inediti del centro storico di Castiglione delle Stiviere ha guidato la Gazzetta in una visita in anteprima. La scelta di quest’anno è caduta su due luoghi della Castiglione borghese di fine ’800 e inizio ’900: un palazzo e un giardino, che si trovano entrambi sulla centrale via Marconi. Scendendo dal Duomo, Palazzo Beschi, ora Costanza-Fattori, s’incontro sulla sinistra. «Andiamo a scoprire questo palazzo di stile neo-classico realizzato su progetto dell’architetto bresciano Rodolfo Vantini» incalzano i volontari. Per questo palazzo, dati gli spazi stretti, Vantini, che ha lavorato anche alla realizzazione del cimitero neoclassico, è ricorso a particolari soluzioni architettoniche. All’esterno, sotto il portico, c’è un ingresso con un corridoio prospettico a volte, una soluzione davvero rara. Molto particolare, poi, è il giardino di Casa Nodari, ora Lusetti Knerich.

«Un vero e proprio giardino segreto, nascosto nel centro di Castiglione delle Stiviere» spiega Paola Mor, una delle storiche volontarie del gruppo. «Per molti sarà una sorpresa vedere come è questo giardino, perché scopriranno molti segreti, fra i quali quello della torre che si vede da vicolo dell’Orco – anticipa Mor – All’interno abbiamo molte piante, fra cui un quercia. Il giardino, poi, è stato realizzato su un terrapieno già nell’800, dato che in un diario della famiglia Beschi, e cioè i residenti del palazzo che si trova davanti al giardino, si legge che le camere da letto furono messe da questo lato della strada per vederne le bellezze». Nel ’900, quindi, sono arrivate le altre soluzioni architettoniche che si vedono». Giuseppe Nodari, che ha abitato il palazzo, è stato un garibaldino e ha realizzato una trentina di acquerelli, valorizzati da Philippe Daverio, in quanto unica testimonianza visiva diretta della Spedizione del Mille. A Castiglione, dunque, le visite sono oggi dalle 14.30 alle 17.30, domani 17 dalle 10 alle 17.30.

In provincia, a Nuvolato di Quistello, saranno proposti tre percorsi dedicato a Giuseppe Gorni, pittore, scultore e geometra che fece del suo territorio un vero e proprio museo diffuso: “tra grafiche e sculture” (oggi dalle 14.30 alle 19, domani dalle 10 alle 19), “tra architetture e graffiti” (oggi dalle 14.30 alle 19, domani dalle 10 alle 19), “la chiesa di San Fiorentino e il cimitero” (oggi dalle 14.30 alle 18, domani dalle 10.30 alle 18). Una quarta tappa è prevista alla Cantina sociale di Quistello (oggi dalle 15 alle 18, domani dalle 10 alle 18). A Mantova si potrà visitare l’antica edicola dei giornali di piazza Canossa, oggi dalle 14.30 alle 18.30, domani dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Omnia Mantova - Toh, ci fu il Trecento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi