Hendel, Migone e Teocoli: la risata è di casa a Castiglione

vin.brun@gmail.com

Sul palco anche De Sio, la novità della stagione è l’esordio del musical. Attesi anche due grandi interpreti della musica classica: Maisky e Pahud

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Il teatro Sociale di Castiglione vara la sua nuova stagione con, fra gli altri, Giuliana De Sio, Teo Teocoli, Paolo Migone e Paolo Hendel. Non solo. Il cartellone presentato ieri nel ridotto del teatro dal sindaco Enrico Volpi e da Stefano Maffizzoni, direttore artistico del Sociale, prevede anche due grandi interpreti della musica classica, e cioè Mischa Maisky ed Emmanuel Pahud. Poi spazio ad un’anteprima con l’attrice castiglionese Lalla Filippini, oltre all’opera e al musical che, per la prima volta, come forma d’arte teatrale, arriva al Sociale.

«Una stagione nata in collaborazione con l’assessorato alla cultura di Mattia Gianizza, all’insegna della voglia di ritornare a divertirci, con commedie e artisti della comicità, oltre alla grande musica. Un cartellone nel quale crediamo, come d’altronde in questo teatro che, anche in epoca di pandemia, non si è mai fermato» ricorda Volpi.

Il Sociale di Castiglione, infatti, è stato l’unico teatro dell’Alto Mantovano a proporre, l’anno scorso, una stagione gratuita in streaming.

Le prevendite per i nuovi spettacoli iniziano il 30 ottobre sul circuito Vivaticket.it. Tutti gli spettacoli, tranne uno, iniziano alle 21 e non sarà possibile entrare a spettacoli iniziato. «La capienza del teatro sarà al 100%, con 324 posti disponibili, e si accederà con mascherina e green pass» hanno ricordato Volpi e Maffizzoni.

Nel dettaglio, dunque, si parte domenica 7 novembre con “Sheherazade e le Mille e una notte” con Paola Pitagora, Marco Sollini e Salvatore Barbatano. Sabato 20 ecco la Turandot di Puccini con l’Orchestra Sinfonica “Terre Verdiane” diretta da Stefano Giaroli. Sabato 4 dicembre la prima nazionale di “Deathtrap: chi più inganna ci guadagna” con Lalla Filippini, Vittorio Attene, Ambra Goffi e Guido Sciarroni. Domenica 12 dicembre arriva Paolo Migone con il suo nuovo spettacolo “Beethoven non è un cane”. Giovedì 20 gennaio ci sarà Giuliana de Sio con Isa Danieli in “Le signorine” di Gianni Clementi. Sabato 5 febbraio, poi, è la volta di Paolo Hendel con “La giovinezza è sopravvalutata”, spettacolo scritto con Marco Vicari.

Sabato 19 febbraio ecco il primo grande concerto con Mischa Maisky al violoncello con musiche di Bach. Domenica 6 marzo doppio appuntamento con il musical Notre Dame. Il mistero della Cattedrale, previsto alle 17 (fuori abbonamento) e alle 21. Sabato 12 marzo è la volta di Teo Teocoli con “Tutto Teo” e il 26 marzo gran finale con il secondo concerto classico che vedrà sul palco del Sociale Emmanuel Pahud al flauto con un programma esclusivo solo per Castiglione, con musiche di Telemann, Widmann, Montalberti, Desplat, Varèse, Berio e Debussy. «Ringrazio l’amministrazione – ha ricordato Maffizzoni – per aver dato fiducia a queste proposte che qualificano il teatro di Castiglione con una stagione degna di una grande città».

I prezzi dei singoli biglietti sono di 25 euro per palchi e platea, 15 euro il loggione e 20 euro per gli studenti fino a 20 anni. Luca Cremonesi

Video del giorno

Vita e opere dell'arpista Clelia Gatti nel video girato al cimitero di Mantova

La guida allo shopping del Gruppo Gedi