“Segni”, soddisfatti gli organizzatori: biglietti esauriti e tanti contatti online

Cazzola: «Molta partecipazione anche agli eventi gratuiti». Il festival tornerà dal 29 ottobre al 6 novembre 2022

MANTOVA. Segni New Generation Festival tornerà dal 29 ottobre al 6 novembre 2022. Archiviata l'edizione di quest'anno, con il tutto esaurito per i biglietti in vendita, la manifestazione curata da Segni d'Infanzia non si ferma e guarda già al futuro.

«Rispetto ai numeri delle presenze i dati vanno contestualizzati tra le rassegne pre e post covid - dice la direttrice artistica Cristina Cazzola -. Il dato rilevante è che i nostri spettatori, fra i 18 mesi e i 18 anni, hanno necessità di prossimità e di relazione. A questo pubblico che ha assistito agli spettacoli nelle sale, a pagamento, si deve poi aggiungere quello che ha partecipato agli eventi gratuiti nella Loggia del Grano e negli altri luoghi della città, difficilmente quantificabile, nella piattaforma on line di “Segni”, circa 15 mila, e nell'edizione estiva.

«Se si sommano tutti questi numeri si raggiungono quelli del 2019, – continua Cristina Cazzola -. Grazie anche alla presenza degli operatori, circa 270, abbiamo contribuito a saturare l’offerta alberghiera e della ristorazione».

Sorprendente anche il dato delle provenienze in presenza e online, dagli Stati Uniti a molti Paesi d’Europa, dal Nord al Sud d’Italia e dalla provincia di Mantova.

«Un altro dato rilevante è che i Paesi stranieri stanno mettendo gli occhi addosso a “Segni” come evento che può fungere da driver di rilancio post pandemico – prosegue la direttrice artistica -. Abbiamo la consapevolezza che il festival sia ancora in trasformazione e che in qualche modo lo spirito del Camaleonte, animale simbolo di questa edizione, sia ancora tutto da esplorare ci fa pensare che il 2022 ci porterà un format completamente rinnovato per il quale stiamo già incidendo a siglare accordi con enti internazionali».

Tra le certezze il permanere della piattaforma che, grazie ai suoi grandi numeri, fa pensare che, almeno in parte, qualcuno possa diventare un potenziale frequentatore del festival in futuro e sarà di grande supporto al mondo dell'istruzione per l'alfabetizzazione teatrale dei cittadini di domani.

Restano ancora da decidere l’eventuale edizione “Segni d'Estate” 2022 all'isola del Giglio, nata lo scorso anno per rispondere all'emergenza pandemica e alle incertezze per l’autunno, e la scelta dell'animale simbolo.

Sarà un processo lungo e condiviso con i Teen, gli adolescenti che collaborano alla realizzazione del festival e che sono spettatori attivi sul territorio di Mantova, grazie al progetto “Teen Ambassador across Europe”, che li vedrà partecipare a un laboratorio incubatore di pensiero culturale a Lille. Ancora aperta anche la questione di ampliare l'offerta di teatro per bambini e ragazzi in provincia lungo tutto l'arco dell’anno.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ponte di San Benedetto Po: lo stato dei lavori in agosto, visto dal drone

La guida allo shopping del Gruppo Gedi