Messa e concerto nella basilica, sabato è la festa di Santa Barbara

Alle 10.30 è in programma la funzione Alle 21 evento musicale curato da Forni e Mari

MANTOVA. Sabato 4 dicembre, festa di Santa Barbara, nella basilica a lei dedicata verrà celebrata alle 10.30 la santa messa, presieduta dal vicario generale don Libero Zilia alla presenza delle autorità civili e militari e con rappresentanze del 4° Reggimento di artiglieria antiaerea, dei vigili del fuoco e degli esponenti delle varie armi. Alle 21 si terrà il concerto curato da Umberto Forni e Licia Mari, a conclusione del programma di Gaude Barbara beata, ingresso libero con green pass. Come negli anni passati si è cercato di privilegiare le musiche composte dai maestri di cappella della basilica, in modo da offrire in tempi moderni opere antiche, pregevoli e belle ma rimaste finora nel cassetto perché composte con scrittura di difficile lettura.

La scelta di quest’anno è su Gian Giacomo Gastoldi, di Caravaggio, sacerdote, compositore e maestro di cappella di Santa Barbara per alcuni decenni, formatosi a Mantova da giovane. I brani di sua invenzione e da lui musicati riguardano i santi ai quali sono dedicati i sette altari della basilica. Le sue Sacre lodi a diversi santi, sabato in prima esecuzione moderna, «vennero date alle stampe nel 1587, anno della morte del duca Guglielmo Gonzaga, cui furono dedicate, e testimoniano diversi aspetti della vita musicale e spirituale della chiesa di Santa Barbara, innanzi tutto la committenza: Guglielmo chiese una serie di madrigali spirituali, ovvero composizioni a più voci non in latino come i mottetti, ma in lingua italiana» dice la musicologa Licia Mari.

Prosegue: «Gastoldi, cresciuto in corte con il maestro di cappella Giaches de Wert, offre la sua scrittura limpida, chiara, morbida nelle linee contrappuntistiche per rendere omaggio alla commissione del duca, che gli aveva offerto la possibilità di studiare e diventare musicista». A fare da intermezzi alle Sacre lodi di Gastoldi saranno mottetti e brani strumentali di Ludovico Grossi da Viadana (1560-1627). Esecuzione del concerto: Cappella musicale di Santa Barbara, Umberto Forni organo e concertazione, Cecilia Rizzetto canto, Anna Simboli canto, Andrea Gavagnin alto, Enrico Imbalzano tenore, Alessio Tosi basso, Rossella Croce violino, Luigi Lupo flauto, Claudia Pasetto viola da gamba, Elena Bianchi dulciana, Maria Christina Cleary arpa, letture di Francesca Campogalliani e Michele Romualdi. Un ringraziamento va a Gianluca Bianchi per il sostegno al concerto e a tutti coloro che collaborano all’apertura della chiesa per la realizzazione delle iniziative musicali, in particolare ai volontari del Tci. Gaude Barbara beata è un progetto musicale a cura della Diocesi di Mantova e gode del contributo del Comune di Mantova. Anche quest’anno il concerto di sabato 4 dicembre si inserisce nelle iniziative del Comune per il periodo natalizio in città.

Video del giorno

Metropolis/15, Bonino: "Casellati ha esposto la sua persona e l'istituzione che rappresenta. Non si fa"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi