Cesare Lazzarini: in mostra gli scorci che raccontano Mantova

Accademia Virgiliana: fino al 18 febbraio esposte 24 vedute selezionate da una serie di oli su tavola dipinti 40 anni fa

MANTOVA. Il ciclo di giornate di studio sulla storia urbana di Mantova dall’unità ai nostri giorni  è accompagnato nella biblioteca accademica dalla mostra Mantova. Il punto di vista di Cesare Lazzarini, 24 scorci della città selezionati da una serie di 58 oli su tavola dipinti una quarantina di anni fa.

Il convegno di oggi pomeriggio è dedicato alle ricerche pubblicate nel volume “Mantova 1866-2016”, curato da Eugenio Camerlenghi e Francesco Caprini, edito dall’Accademia (stampa Publi Paolini) mentre la mostra, in perfetta armonia, propone alcuni itinerari urbani - dalla chiesetta della Madonna del terremoto a piazza dei Filippini, da porto Catena e dal Rio alla chiesa di Santa Paola e così via - attraverso una Mantova deserta in cui case, palazzi e vicoli parlano nel silenzio di una memoria collettiva.

Camerlenghi, Caprini e l’Accademia hanno giustamente ritenuto che questi quadri, di proprietà della famiglia Lazzarini, fossero adatti per una riflessione, in sintonia con il volume da loro curato sulla trasformazione della Mantova medievale e rinascimentale nella città contemporanea.

Le tracce del passato urbano di Mantova rimangono nella struttura della città di oggi, sebbene abbiano in parte perduto le logiche che le determinarono.

Gli scorci di Lazzarini raccontano la storia minuta, metafisica della città, ne fanno parlare le stratificazioni antiche, poi perdute nel corso di rifacimenti e restauri. La città dipinta da Lazzarini nei primi anni ’80 del secolo scorso, oggi è cambiata: i quadri sono diventati, a loro volta, testimonianze di un tempo in movimento.

La mostra di Lazzarini (1931-2010) resterà aperta fino al 18 febbraio dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30 e nei pomeriggi di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 alle 17. La giornata di studio di oggi, intitolata I volti della città che cambia, potrà essere seguita in presenza nella sala Ovale dell’Accademia (obbligo di super green pass e mascherina ffp2, preferibile la prenotazione all’indirizzo info@accademianazionalevirgiliana.org o tel. 0376 320314) e in diretta streaming al link https://global.gotomeeting.com/join/49143049.

Interverranno tre degli autori del volume “Mantova 1866-2016”. Claudia Bonora Previdi documenterà la demolizione delle mura magistrali e la sostituzione col sistema dei viali di circonvallazione e delle aree verdi: un intervento avviato agli inizi del ’900.

Giovanni Iacometti ripercorrerà la storia dei cantieri: dall’ex Ghetto e da San Leonardo al “nuovo centro cittadino” imperniato su corso della Libertà; dall’urbanizzazione dei margini del centro fino alle vicissitudini di Fiera Catena. Dino Nicolini compirà una ricognizione degli edifici pubblici di Mantova. Guiderà l’incontro Sergio Genovesi. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Milan, Salvini contestato durante la festa scudetto: "Vai a lavorare, sei il disonore dell'Italia"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi