In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
l’evento

Il grande fiume Po e gli argini delle terre matildiche: speciale Bam! – Itinerario 6

Sua Maestà ai nostri piedi. Il via da Governolo con gli occhi all’antica conca di navigazione e alla torre Matildica. Lungo gli argini sbuca anche la centrale elettrica ma seguendo le anse è il verde a guidarci

2 minuti di lettura

MANTOVA. Un giro ad anello, lungo il Po, di circa 47 chilometri, per poter godere della bellezza del grande fiume, il Po che attraversa la pianura Padana lungo strade a bassissimo traffico, argini e alcuni itinerari ciclabili e ciclopedonali. 47 chilometri possono sembrare tanti, ma l’itinerario si può percorrere in una giornata intere facendo 20/25 km la mattina e 20/25 km il pomeriggio, facendo sosta in una delle tantissime osterie o portandosi un pranzo al sacco. Si parte da Governolo, dal parcheggio principale, piazza di Vittorio molto ampio e utule se volete raggiungere la località con la vostra auto e le bici, oppure, per i più allenati si può arrivare a Governalo con la bici seguendo le indicazioni ciclabili partendo da Mantova, si deve però aggiungere ai 46 km altri 22 km circa all’andata e altri 22 circa al ritorno per un totale di quasi 90 km che, per chi non è allenato, sono tanti.

Dalla piazza di Governolo con le vostre biciclette, percorrete via Mantova che si trova sull’angolo sinistro della piazza: è una via molto corta che ci immette nei giardini dove è posta l’antica conca di navigazione e la torre Matildica. Attraversate il ponte in metallo che sfiora l’erba dei giardini pubblici evi troverete davanti la torre. Girate a destra di essa e salite sull’argine attraversate il ponte sul Mincio, ammirando la conca di navigazione a sinistra e seguendo le indicazioni per Correggio Micheli distante circa 1,5 km. A Correggio Micheli dobbiamo raggiungere la rotatoria in prossimità dell’argine maestro e girare a destra dopodiché spassare sotto il ponte del Po. Poco più avanti, a circa 800 metri, teniamo la destra e scendiamo dall’argine per poi girare a destra e imboccare la strada principale che ci permetterà di salire sul ponte e attraversare il Po. Bisogna fare molta attenzione al traffico automobilistico. Il ponte, su entrambe i lati, ha un passaggio pedonale che però, va verificato sul posto, se è aperto poiché il ponte stesso è in sostituzione, si noterà a fianco, sulla sinistra, l’enorme corpo in acciaio del nuovo ponte. Attraversiamo quindi il fiume e prendiamo la prima strada a destra che va verso il fiume. Giriamo a destra e passiamo sotto il ponte appena attraversato.

Ci troviamo sull’itinerario ciclabile Eurovelo 8 che va dalla Spagna alla Grecia passando attraverso la pianura Padana. A questo punto l’obiettivo è raggiungere Revere, distante circa 20 km sempre seguendo l’argine del Po e godersi il meraviglioso panorama che offre il fiume alla nostra sinistra e la pianura alla nostra destra. Nelle giornate più limpide potremo osservare le Alpi a sinistra e gli Appennini a destra. Una vista niente male. Dovremo passare vicinissimo all’abitato di Quingentole, che si trova a circa metà strada per Revere, attraversando il ponte sul fiume Secchia che scende dagli appennini e che attraversa la provincia di Modena, poco distante. Rimaniamo sempre sull’argine seguendo le indicazioni. Arrivati a Revere il nostro obiettivo è salire sul ponte che collega il paese con Ostiglia che si trova sull’altra sponda. A Revere proseguiamo sull’argine fino a giungere sul ponte, che è dotato di apposita passerella ciclo-pedonale. Attraversiamo quindi il ponte e poco dopo aver attraversato il fiume troviamo alla nostra sinistra l’uscita sull’argine, indicata anche da piccoli cartelli relativi all’itinerario ciclabile della via dei Parchi. Seguiamo quindi l’argine maestro del fiume passando a fianco della centrale termoelettrica di Ostiglia che rimane alla nostra sinistra. Proseguiamo per Serravalle Po a cira 4 km. Da Serravalle, sempre rimanendo sull’argine arriviamo a Libiola, altri 4 km di distanza, poi Sustinente, sempre 4 km di distanza, e poi tornare a Governolo distante circa 6 km.

I commenti dei lettori