In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
da domenica

Festival jazz a Ostiglia: il sassofonista Scott Hamilton tra i big della rassegna

Dal 24 luglio al 3 settembre, sono quattro gli eventi che caratterizzano la rassegna inserita nell'ambito di Ostiglia d'Estate 2022. Il 24 luglio, il 27 e 28 agosto, il 3 settembre

1 minuto di lettura

OSTIGLIA. Primo Festival di musica jazz a Ostiglia. Dal 24 luglio al 3 settembre, sono quattro gli eventi che caratterizzano la rassegna inserita nell'ambito di Ostiglia d'Estate 2022. Il 24 luglio, il 27 e 28 agosto, il 3 settembre.

«La direzione artistica del festival - anticipano gli organizzatori - è affidata a Igor Palmieri, polistrumentista e protagonista, insieme a prestigiosi colleghi di caratura nazionale e internazionale, di questo progetto unico ideato per l'estate ostigliese incentrata sul tema della "gentilezza"».

Sulla scena si alterneranno Valentina Mattarozzi, Fabrizio Bosso, Francesca Bertazzo, e il famoso sassofonista Scott Hamilton, con molti altri. Si spazia dalla musica nera, al Gospel, al jazz moderno, al bi-bop, tra brani classici del genere in questione e brani autografi dei gruppi che si esibiranno. I concerti si terranno nell'esedra dei giardini storici di Palazzo Bonazzi (via XX Settembre). Inizio degli spettacoli, ore 21.30; l'ingresso è ibero e non occorre la prenotazione. Si parte domenica 24 luglio con il concerto di Valentina Mattarozzi accompagnata da un quintetto d'eccezione: Massimo Tagliata al pianoforte, Max Turone (basso), Umberto Genovese (batteria) ed Igor Palmieri al sax tenore. Sabato 27 agosto è in calendario il concerto dello Spiritual Trio capitanato da Fabrizio Bosso alla tromba e accompagnato da Alberto Marsico (organo) e Alessandro Minetto alla batteria.

Domenica 28 agosto è di scena Francesca Bertazzo quartet. «Davvero unica e originale questa formazione che vede la vocalist protagonista anche di quasi tutti gli arrangiamenti e dell’accompagnamento armonico alla chitarra, con una scelta di repertorio che parte dal mainstream e approda al jazz moderno passando per il be-bop e l’hard-bop». In una sapiente miscela fra standard noti e poco noti e brani originali autografi, Francesca Bertazzo (voce e chitarra), Gianluca Carollo (tromba/flicorno), Beppe Pilotto (contrabbasso), Oreste Soldano (batteria).

Sabato 3 settembre chiude la rassegna con il grande sassofonista Scott Hamilton.

L’artista da molti anni calca i migliori palcoscenici in tutto il mondo come leader del suo quartetto o a fianco di altri mostri sacri del jazz.

Con lui Andrea Pozza (pianoforte), Aldo Zunino (contrabbasso) e Bernd Reiter (batteria).

I commenti dei lettori